giovedì, ottobre 30, 2008

30 ottobre 2008

Facciamo l’ipotesi che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale (...)non vuole fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in un alloggiamento per manipoli; ma vuole istituire, senza parere,una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali.C’èuna certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora il partito dominante (...)comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, a impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private (...). Bisogna tenere d’occhio i cuochi di questa bassa cucina. L’operazione è rovinare le scuole. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico.
Questo scriveva Pietro Calamandrei il 20 marzo 1950.
Profetico?

7 commenti:

Marta ha detto...

Sono così scoraggiata e sconsolata, Api, che non mi meraviglia più niente. Sono momenti difficili, e una dittatura è sempre alle porte quando c'è crisi economica e c'è il rischio che i privilegi di pochi ricchi (che sono ricchiricchiricchi) minacciano di essere smantellati per il bene comune. A questo punto mi chiedo cosa mai sia il bene comune. Sono così triste che se potessi emigrerei volentieri in un'altro paese, ma mi è stato concesso questo purtroppo....

patrizia ha detto...

anche io sono triste, preoccupata e scoraggiata e lo sono soprattutto perchè parlo con tante persone che non trovano per nulla strano quello che sta succedendo..

xavier ha detto...

mi scuso per il commento un po' drastico ma dico: ce lo siamo meritato.

Labelladdormentata ha detto...

Non provo scoraggiamento, ma tanta rabbia, e siccome sono una tenace (o come dicono gli amici: perseverante), ricomincio a guardarmi intorno, a interessarmi alla politica, alle facce nuove (ahimè ancora poche) che si affacciano. Ricomincio da casa, da Bologna, con l'elezione del nuovo sindaco, poi si vedrà!

marella ha detto...

Hai ragione apetta! Tutto ciò sta cominciando a risvegliarci dal torpore. Ho visto con un immenso piacere i nostri ragazzi cominciare ad agitarsi, cominciare a prendere coscienza. Forse tutto il male non viene per nulla. Towaaaaaaaandaaaaa!!!

Moky ha detto...

Senti, io pensavo che fosse la spiegazine a cio' che sta accadendo in Italia, visto che ancora non ho capito molto bene i dettagli... e' invece e' uno scritto di quasi 60 anni fa...

Labelladdormentata ha detto...

Sì, Moky, è proprio così. Già 60 anni fa c'erano problemi dello stesso genere, e oggi come non mai quelle parole descrivono uno scenario praticamente uguale. Perciò si deve vegliare, non bisogna tacere nè fare finta di non capire o vedere.
Intanto, lì da voi, speriamo che le cose riescano a cambiare, oggi sarà la grande giornata...

Neve

Berlino

Porretta Soul Festival 2007

Porretta Terme

Castel di Casio

I giardini del Casoncello

L'eremo

The Idiot Test

Un giochino scemo ma simpaticissimo... un test d'intelligenza (o stupidità?) che tutti dovreste superare senza sbagliare nemmeno una volta (ve l'abbiamo detto che è stupido!).

The Idiot Test 2

The Idiot Test 2

Secondo appuntamento con l'Idiot Test, che tanto successo ha riscosso tra gli 'intelligentoni' del web. Ancora una volta un test simpaticissimo che tutti dovreste superare senza sbagliare nemmeno una risposta.

The Idiot Test 3

Idiot Test 3

Terzo appuntamento con il test più idiota del web, che continua a riscuotere un notevole successo tra i navigatori 'più stupidi'. Ancora una volta sarete sfidati a superare un simpaticissimo test..