martedì, febbraio 26, 2008

Verde sublime!


Finalmente l'ho fatto!
Ho lavato la macchina!

mercoledì, febbraio 20, 2008

4 piccoli gnomi


Finalmente le giornate si sono allungate e la mattina, quando parto da casa, il sole sta già sorgendo. Così arrivo oltre Sasso Marconi che è già giorno.
E oggi ecco che vedo 4 piccoli gnomi incappucciati che giocherellavano in uno spiazzo, con i loro cappuccetti colorati in testa e i loro zaini, grandi quasi quanto loro, in attesa che passasse lo Scuolabus.
Anche le altre mattine spesso li ho visti, ma erano tutti intirizziti, ancora molto insonnoliti, quasi rannicchiati dentro le loro giacche a vento per proteggersi dal freddo. Oggi invece erano allegri come gli uccellini che in queste ultime mattine all'alba ho sentito cantare.
Oltre agli gnomi ho visto anche loro: le prime primule!
Occhieggiavano dietro una curva, giallo bagliore improvviso che rallegra!
Sembra proprio che la primavera cerchi di farsi avanti. Ma le cime del Corno alle Scale sono ancora incappucciate di neve, bellissime illuminate dal sole di prima mattina.

domenica, febbraio 10, 2008

Momix


Di nuovo eccoli a Bologna, questa volta con Passion. E Rudolph e io insieme ancora una volta a stupirci di come corpi così massicci, più adatti ad atleti che a ballerini, possano essere così lievi, leggeri ed aggraziati nel formare animali fantastici, a raccontare brevi storie d'amore e di passione carnale, su bellissime musiche scritte per loro da Peter Gabriel.
Un'ora di incanto e di sorprese, di bella musica condivise con mia figlia.

domenica, febbraio 03, 2008

Che Joia!


Ogni volta che vado a Milano ci passo davanti e mi fermo a leggere il menù, così fantasioso, poetico e misterioso. Sul menù appeso fuori le portate hanno nomi che evocano paesaggi, profumi, sogni. Ogni volta mi chiedevo chissà che tipo di cucina sarà! Poi ho avuto una rivelazione, proprio grazie a un post di Chez Maurice, in cui si accennava, in una delle sue interviste a cuochi di rango, a questo ristorante. Così ho cominciato a guardarlo con occhi più attenti, mi sono documentata e questo Natale, quando è uscito, mi sono comprata il libro dello chef Pietro Leeman e ho cominciato a leggerlo avidamente.
La cucina del Joia è diversissima dalle ricette che si trovano su Diario di un cuoco, ricette private di famiglia di Leeman, ma leggendo il libro ho cominciato a comprendere la sua filosofia: alimenti biologici, rigorosamente di stagione, che evocano la cucina tradizionale, soprattutto del nord Italia (Leeman è svizzero) ma rivisitati e impreziositi anche dall'utilizzo di ingredienti a volte dimenticati o provenienti da altre culture; alimenti che nel mischiarsi e fondersi l'un l'altro, si trasformano in giochi, in ricordi, in piccole opere d'arte. E soprattutto ho scoperto che Leeman è rigorosamente vegetariano.
Così sabato sera con tre colleghi siamo andati a cena al ristorante Joia, finalmente alla scoperta di questo allievo di Gualtiero Marchesi, armati del suo libro per ottenerne l'autografo!
Ovviamente il sabato sera il locale, che non è grande, era stracolmo, per cui l'unico tavolo libero era il tavolo numero zero, vale a dire quello più vicino ai cuochi: in cucina!
Quale occasione migliore? Mangiare proprio nella fucina, nel luogo della creazione e poter assistere a tutto quel lavoro misterioso che si nasconde dietro ogni singolo piatto.
Così ci siamo accomodati e abbiamo fatto la conoscenza dello chef: Pietro Leeman è un altissimo, bellissimo, giovane (ovviamente per me, è del 1961!) cuoco molto sorridente e gentile. Lo staff in cucina, nonostante i ritmi pressanti, è altrettanto sorridente e gentile e tutti hanno avuto il tempo, e la voglia, di scambiare una chiacchiera con noi, anche il sous-chef, dolcissimo e simpatico cuoco-filosofo-psicologo. Del resto penso che fossero molto divertiti dei nostri Oh! di meraviglia ogni volta che preparavano un nuovo piatto e la creazione usciva bellissima, colorata e appetitosa in presentazioni molto fantasiose.
La cucina sembra un'astronave, lucida, attrezzatissima, ma soprattutto...è senza fuochi!
Ad un certo punto ho chiesto se usavano piastre in vetroceramica elettriche o a gas, la risposta è stata ne' l'uno ne' l'altro, bensì campi elettromagnetici. Questo permette di cucinare senza bruciarsi, perchè al tocco le piastre risultano sempre fredde, si cuociono solo gli alimenti che dentro tegami dal fondo speciale vengono immessi all'interno di questi campi.
Seguire il lavorio della cucina è stato come seguire un complesso balletto in cui ciascuno fa esattamente la sua parte con grande professionalità, dal ragazzo alla plonge, agli addetti alla preparazione delle salse fino ai camerieri, tutti giovani e molto sorridenti: un vero spettacolo insomma!
E il cibo è stato veramente all'altezza delle aspettative! E anche del prezzo!
Prometto che la prossima volta porterò la macchina fotografica per documentare le meraviglie che degusteremo!
Dimenticavo, ho anche avuto dedica e autografo sul libro!

Neve

Berlino

Porretta Soul Festival 2007

Porretta Terme

Castel di Casio

I giardini del Casoncello

L'eremo

The Idiot Test

Un giochino scemo ma simpaticissimo... un test d'intelligenza (o stupidità?) che tutti dovreste superare senza sbagliare nemmeno una volta (ve l'abbiamo detto che è stupido!).

The Idiot Test 2

The Idiot Test 2

Secondo appuntamento con l'Idiot Test, che tanto successo ha riscosso tra gli 'intelligentoni' del web. Ancora una volta un test simpaticissimo che tutti dovreste superare senza sbagliare nemmeno una risposta.

The Idiot Test 3

Idiot Test 3

Terzo appuntamento con il test più idiota del web, che continua a riscuotere un notevole successo tra i navigatori 'più stupidi'. Ancora una volta sarete sfidati a superare un simpaticissimo test..